.
Annunci online

 
annie-hall 
happiness is a journey, not a destination
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  collisioni
motherrussia
origami
indirizzo
dolcinganni
spezie
sottiletta
imperfections
addb
sleeping
azy
winston blu
interstizi
jericho
pochecose
napolino
pier luca
yogurt
zeroboy
  cerca


Il mio scrittore preferito


Il mio regista preferito


I miei musicisti preferiti




Il mio posto preferito


Il mio alter ego


Sto leggendo




Sto ascoltando


Sto pensando






 

Diario | Parole nella rete | Rifugi metropolitani | Visioni | Suoni | Stigmate del lettore | Home is where the heart is | Portraits | Cose che odio |
 
Diario
215311visite.

22 settembre 2008

Il papà di Giovanna



Vittima della ‘sindrome di Woody Allen’, che spinge i registi a credere di avere abbastanza idee per sfornare un film all’anno, Pupi Avati ri-ri-ritorna nell’adorata Bologna anni ‘30: piccolo mondo antico dove ci si scalda mani e cuore col carbone e un omino del sud può congedarsi con un casto bacio dalla moglie troppo bella (Francesca Neri) e consegnarla al migliore amico. Ci sarebbero i molesti boia-chi-molla urlati ai funerali, ma la poetica di Avati guarda da sempre ad altre ostinazioni: quelle d’amore. A scuola, una ragazza altolocata è uccisa dall’amica in trance passionale per un compagno. E’ Alba Rohrwacher: il premio che Venezia doveva dare. Invece, con palese scippo a Mickey Rourke, ha incoronato il suo babbo, il buon Silvio Orlando che le resta accanto negli inferi della nevrosi. E oltre ancora, quando la storia si perde in Storia e smarrisce il passo. Consueti ruoli/regalo di Natale avatiano a Ezio Greggio e Serena Grandi, coniugi legnosi. Siamo già stati in struggente gita scolastica con l’arcano incantatore dell’Appennino e abbiamo già amato in Delle Piane un prof che balbetta inadeguatezza e non lascia posto a imitazioni. Abbiamo quel bel ricordo a cui ancorare l’affetto. Avati non insista, il suo cuore oggi può andare altrove.

www.alessioguzzano.com

sfoglia
agosto        ottobre