.
Annunci online

 
annie-hall 
happiness is a journey, not a destination
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  collisioni
motherrussia
origami
indirizzo
dolcinganni
spezie
sottiletta
imperfections
addb
sleeping
azy
winston blu
interstizi
jericho
pochecose
napolino
pier luca
yogurt
zeroboy
  cerca


Il mio scrittore preferito


Il mio regista preferito


I miei musicisti preferiti




Il mio posto preferito


Il mio alter ego


Sto leggendo




Sto ascoltando


Sto pensando






 

Diario | Parole nella rete | Rifugi metropolitani | Visioni | Suoni | Stigmate del lettore | Home is where the heart is | Portraits | Cose che odio |
 
Diario
215325visite.

24 ottobre 2008

Vicky Cristina Barcelona



Vacanze spagnole per due amiche americane: una Melinda bionda impulsiva in amore (la Johansson, sempre brava) e una Melinda bruna fidanzata e razionale (Rebecca Hall, già con lei in “The Prestige”). Quando alla loro mensa compare il sexy pittore Javier Bardem, che senza preamboli le invita a Oviedo e a letto, la prima freme, ma i brividi caldi toccano alla seconda. Ricomposte le giuste convivenze, fa irruzione il pepe loco di Penélope Cruz, ex moglie troppo a(r)mata. Poi nuove fughe e tentazioni (anche lesbo), mentre il blabla fuori campo apparecchia bollite teorie della passione e la macchina da presa si dedica al bigino catalano. Il micidiale cineturismo di Woody Allen lascia Londra per Barcellona dove le maestranze costano meno. Uno sconticino e dai che, pur di far cassa senza più uno straccio d’idea, colui che fu un Autore ci porta Scarlett a Pavia in un’operina con Boldi. Stavolta niente delitti&castighi, il tocco europeo tarocco lo danno echi di Schiller (<Conosce l’amore solo chi ama non ricambiato>) e di Montale (<Solo questo so: ciò che non voglio>). Noiosissima giostra senza humour. Dopo un decennio di patacche (“Match Point su tutte”), ci si decida a proclamare il regista di “Manhattan” e “Crimini e misfatti” deceduto nel 1999.

e dunque: REQUIEM PER WOODY ALLEN

Allan Stewart Köninsberg (vero nome di Woody Allen) nacque a Brooklyn il 5 dicembre 1935, da una famiglia ebrea originaria dell’est europeo. Da cui la sua ficcante comicità: l’inadeguatezza elevata a potenza ironica, la cultura sprofondata in gustosi abissi di psicanalisi. Battutista fin dai banchi di scuola, passò per cabaret, radio, teatro, giornali e tv. Dal debuttò come regista (1966) inanellò decine di film e svariati capolavori. Qualche titolo: Manhattan, Io e Annie, Hanna e le sue sorelle, Crimini e misfatti. Ebbe una moglie che lo denunciò per ‘diffamazione nelle barzellette’ e due celebri muse/compagne: Diane Keaton e Mia Farrow fino alla clamorosa relazione con la figlia adottiva di lei (coronata da matrimonio veneziano). Woody Allen sparì nel 1999 senza darne annuncio e fu la sua gag più riuscita. Da allora un tristo omino che ne replica le fattezze, sforna un film all’anno facendo bollito cineturismo tra capitali e autori europei. Costui si è preso come musa Scarlett Johansson, ma non la concupisce (Woody non avrebbe esitato). Non strappa una risata, annoia. La sua più recente patacca è Vicky Cristina Barcelona.

www.alessioguzzano.com


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. ridateci il veccho woody!!!

permalink | inviato da annie il 24/10/2008 alle 17:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa
sfoglia
settembre