Blog: http://annie-hall.ilcannocchiale.it

Vicky Cristina Barcelona



Vacanze spagnole per due amiche americane: una Melinda bionda impulsiva in amore (la Johansson, sempre brava) e una Melinda bruna fidanzata e razionale (Rebecca Hall, già con lei in “The Prestige”). Quando alla loro mensa compare il sexy pittore Javier Bardem, che senza preamboli le invita a Oviedo e a letto, la prima freme, ma i brividi caldi toccano alla seconda. Ricomposte le giuste convivenze, fa irruzione il pepe loco di Penélope Cruz, ex moglie troppo a(r)mata. Poi nuove fughe e tentazioni (anche lesbo), mentre il blabla fuori campo apparecchia bollite teorie della passione e la macchina da presa si dedica al bigino catalano. Il micidiale cineturismo di Woody Allen lascia Londra per Barcellona dove le maestranze costano meno. Uno sconticino e dai che, pur di far cassa senza più uno straccio d’idea, colui che fu un Autore ci porta Scarlett a Pavia in un’operina con Boldi. Stavolta niente delitti&castighi, il tocco europeo tarocco lo danno echi di Schiller (<Conosce l’amore solo chi ama non ricambiato>) e di Montale (<Solo questo so: ciò che non voglio>). Noiosissima giostra senza humour. Dopo un decennio di patacche (“Match Point su tutte”), ci si decida a proclamare il regista di “Manhattan” e “Crimini e misfatti” deceduto nel 1999.

e dunque: REQUIEM PER WOODY ALLEN

Allan Stewart Köninsberg (vero nome di Woody Allen) nacque a Brooklyn il 5 dicembre 1935, da una famiglia ebrea originaria dell’est europeo. Da cui la sua ficcante comicità: l’inadeguatezza elevata a potenza ironica, la cultura sprofondata in gustosi abissi di psicanalisi. Battutista fin dai banchi di scuola, passò per cabaret, radio, teatro, giornali e tv. Dal debuttò come regista (1966) inanellò decine di film e svariati capolavori. Qualche titolo: Manhattan, Io e Annie, Hanna e le sue sorelle, Crimini e misfatti. Ebbe una moglie che lo denunciò per ‘diffamazione nelle barzellette’ e due celebri muse/compagne: Diane Keaton e Mia Farrow fino alla clamorosa relazione con la figlia adottiva di lei (coronata da matrimonio veneziano). Woody Allen sparì nel 1999 senza darne annuncio e fu la sua gag più riuscita. Da allora un tristo omino che ne replica le fattezze, sforna un film all’anno facendo bollito cineturismo tra capitali e autori europei. Costui si è preso come musa Scarlett Johansson, ma non la concupisce (Woody non avrebbe esitato). Non strappa una risata, annoia. La sua più recente patacca è Vicky Cristina Barcelona.

www.alessioguzzano.com

Pubblicato il 24/10/2008 alle 17.4 nella rubrica Visioni.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web